Il tuo bambino 0-1 anno

Automedicazione, il ritorno!


L'automedicazione ha poi attraversato il deserto, denigrato ed etichettato pericoloso. Ma eccoci oggi a una nuova svolta: sembra che stiamo assistendo alla sua riabilitazione.

  • In salute come altrove, le modalità cambiano! Ai tempi dei nostri nonni non disturbavamo il medico per raffreddore o indigestione: ci curavamo, spesso con rimedi di "nonna" tramandati di generazione in generazione. Quindi, a partire dagli anni '60, l'abitudine decise di consultare quasi sistematicamente, anche per quelle che erano precedentemente considerate patologie comuni.
  • L'automedicazione ha poi attraversato il deserto, denigrato e accusato di pericoloso. Ma eccoci oggi a una nuova svolta: sembra che stiamo assistendo alla sua riabilitazione. La prova, le nostre autorità sanitarie incoraggiano costantemente apertamente "l'automedicazione responsabile".

Cosa fare

  • E tu, cosa hai intenzione di decidere: auto-medicare tuo figlio o no? Perché no, purché tu segua rigorosamente le istruzioni precauzionali che seguono. Ancora di più se il tuo bambino ha meno di 2 anni: non ha ancora padroneggiato bene la lingua, avrà molti problemi a collaborare, per dirti se ha dolore e dove e quali sintomi prova esattamente. Un'altra condizione per iniziare l'avventura: ti senti sufficientemente sereno. Se pratichi automedicazione forzata e forzata perché hai paura di disturbare il dottore per niente, potresti finalmente finire in pronto soccorso di notte, completamente preso dal panico! Non c'è bisogno di mettersi in una situazione del genere ...

Isabelle Gravillon

Altri consigli qui.