Baby: 10 consigli per una notte intera

Baby: 10 consigli per una notte intera

Sei sfinito da questi continui risvegli e ti chiedi quando il tuo bambino dormirà? Se il manuale dell'utente ideale non esiste, questi suggerimenti, associati tra loro, dovrebbero aiutarti a metterti in condizione di dormire finalmente.

1. I benchmark sono essenziali

  • Per dormire di notte, il tuo bambino deve imparare a distinguere tra giorno e notte, qualcosa che non è in grado di uscire dal reparto maternità. Si sveglia quando ha fame, qualunque sia il tempo. Alcuni bambini faranno rapidamente la differenza, altri impiegheranno del tempo. Sei tu, dalla routine che installi, che lo aiuterà. Il tuo bambino deve rendersi conto che quel giorno è associato alla luce e al rumore, e quella notte lascia il posto all'oscurità e ai sussurri quando lo nutri. Mentre dorme il giorno, è inutile costringere l'intera casa al silenzio. Al contrario, ascoltare i suoi suoni permetterà a tuo figlio di trovare la sua strada. Sì, lancia una macchina durante il pisolino, è possibile!

2. Attenzione ai "microreveils"

  • Verso la fine del primo mese, il tuo bambino inizia a prolungare la durata delle sue notti e può dormire per 6 ore di fila. Senza renderlo una regola assoluta, gli specialisti stimano che ci vogliono dai 3 ai 6 mesi affinché un bambino installi i suoi ritmi del sonno e inizi a fare notti complete da 8 a 9 ore. Ora si addormenta con un sonno lento e non più con un sonno irrequieto, con un sonno di recupero lento più lungo all'inizio della notte, e un sonno lento e lento poi un sonno paradossale alla fine della notte. Ogni fine del ciclo (ogni 2 ore) è punteggiata da microreve che durano da 1 a 10 minuti, durante i quali il bambino grugnisce, a volte piangendo, e poi si sonnecchia. Non interferire, altrimenti avrà l'abitudine di chiamarti invece di tornare a dormire da solo.

3. Niente batte i buoni rituali

  • Per iniziare la tua notte senza difficoltà, il tuo bambino ha bisogno di rituali che lo rassicurino e gli facciano capire che è ora di dormire. Sta a te immaginarli e attenersi a loro ogni sera: una storia a bassa voce, un abbraccio e un bacio, una ninna nanna.
  • Fai attenzione a non prendere la tua trappola introducendo rituali troppo restrittivi. Se il tuo bambino si sta solo addormentando tra le tue braccia, avrà bisogno di te quando si sveglia tra due cicli. Anche se si abitua ad accarezzarsi i capelli prima di coricarsi, è probabile che ti chiami nel bel mezzo della notte.

4. Segnali da non perdere

  • Metti in atto rituali, va bene, deve essere al momento giusto. Affinché la buona notte sia al meglio, è importante imparare a decodificare i segni della fatica del bambino e non perdere il "treno del sonno". Il tuo bambino si strofina gli occhi? Sbadiglia? È ora di andare a letto. Avrà quindi meno tendenza a "resistere" e cadrà più facilmente tra le braccia di Morfeo.

5. Momenti di tenerezza

  • Coccole, massaggi, bagno prima di coricarsi ... Tra tua madre e le tue amiche, ognuno dei suoi consigli per far addormentare il bambino senza difficoltà. Non esiste una ricetta magica, tutti i momenti di scambio di qualità e appagamento sono utili. Ciò che conta è la qualità di questo momento di tenerezza e il tuo coinvolgimento. Guardare la TV con il bambino tra le braccia non aiuterà il suo addormentarsi ...

6. Rispetto delle regole della buona notte

  • Appoggia il tuo bambino sulla schiena in una turboletta e mai sullo stomaco o sul fianco, per evitare il rischio di morte improvvisa del bambino. La temperatura della sua stanza dovrebbe essere di circa 19 ° C. Il suo letto dovrebbe essere il più nudo possibile. Non dargli un cuscino o una trapunta e non mettere una rete troppo spessa (preferisci cotone fine). Per gli stessi motivi, evita il mucchio di animali imbalsamati nel letto, sarà sufficiente una coperta per confortarlo.

7. Sta piangendo? Non tra le tue braccia!

  • Attenzione alle cattive abitudini. Hai appena messo giù il tuo bambino e lui inizia a urlare? Sebbene sia molto allettante, e soprattutto difficile resistere, non intervenire subito. Dagli la possibilità di addormentarsi da solo. Se ciò non funziona, entra nella stanza per assicurarti che sia ok: un marciume può essere fastidioso? Ha perso il suo ciuccio? In tal caso, ripeti che è ora di dormire in modo rassicurante. Se il pianto continua, fai delle brevi apparizioni in modo che ti senta che sei lì, ma soprattutto non prenderlo tra le tue braccia. Mettilo nel suo letto per dormire e prendilo tra le tue braccia cinque minuti dopo: il messaggio è paradossale per il tuo piccolo. Cosa dovrebbe fare? Dormire o abbracciare?

8. Non spostiamo l'ora di andare a letto

  • Tuo figlio ha impiegato settimane per stabilire il suo ritmo ... quindi non provare a cambiarlo, anche leggermente, per sperare in una mattina tarda. Se ti chiama alle 6 del mattino, è perché il suo orologio interno è impostato in questo modo. Se dormi più tardi, si sveglierà allo stesso tempo più stanco, dopo aver perso un ciclo del sonno.

9. Il sonno? Da evitare

  • Con la stanchezza delle prime settimane, ti sei abituato ad addormentarti con il tuo bambino nel letto ... È allettante, ma i medici raccomandano comunque di evitare il più possibile il sonno. In effetti, rischi di ostacolare la respirazione e causare improvvisa morte infantile. Tuttavia, nulla ti impedisce di posizionare la culla accanto al letto per problemi pratici (ad esempio se stai allattando al seno). Ti sarà vicino, ma nel suo spazio ...

10. Che dire dei trucchi della nonna?

  • Farina in bottiglia di notte per dormire? Questo rimedio della nonna non sarà in alcun caso una soluzione: "Il tuo bambino sarà soddisfatto, rassicurato, ma è un errore. Il rischio di aumento di peso è reale e non è consigliabile introdurre la farina troppo presto nel cibo ", afferma Arnaud Pfersdorff, pediatra. Piante: fiori d'arancio, camomilla, d'altra parte possono essere consigliate dal pediatra.

Dovrei consultare?

Il tuo bambino non sta ancora facendo le sue notti 6 mesi? Sebbene non ci siano regole, a questa età, dovrebbe essere in grado di dormire per ore senza svegliarsi, a meno che non sia ancora allattato al seno. Chiediti: c'è qualcosa in famiglia che non fa dormire tuo figlio? Un evento lo disturba? Tuo figlio ti vede abbastanza? Se sei già andato via quando si sveglia la mattina ed è già a letto quando torni a casa, potresti semplicemente non vederlo. Dorme troppo durante il giorno? Se ciò non migliora, parla con il tuo pediatra.

Stéphanie Letellier

Per andare oltre

Leggi anche: i migliori passeggini