+
Tuo figlio 3-5 anni

Come preservare la vista di tuo figlio


È utile controllare la vista di un bambino prima dei 3 anni. Tracciando e correggendo alcune anomalie visive come lo strabismo o l'ambliopia durante l'infanzia, è possibile impedire a oltre 40.000 bambini di diventare ipovedenti ogni anno. Spiegazioni.

A che età dovresti controllare la vista di tuo figlio?

  • Per neonati e bambini piccoli, sono previste tre visite obbligatorie dal pediatra con una visita oculistica: al giorno 8, a 9 mesi e a 2 anni. Questi esami sono estremamente importanti perché il sistema visivo del bambino non è maturo alla nascita. Continua a costruire fino all'età di 6 anni e la capacità visiva raggiunge la soglia massima intorno ai 15 anni.

Se il pediatra non ha rilevato anomalie visive tra 0 e 2 anni, è necessario programmare una visita dall'oculista per suo figlio all'età di 3 anni, quindi ogni anno?

  • È necessario consultare, come misura preventiva, in caso di antecedenti familiari e in presenza di alcuni segni o determinati atteggiamenti nel bambino. Ora sappiamo che lo screening e la correzione di alcune anomalie visive come lo strabismo o l'ambliopia durante la prima infanzia, impedirebbero a più di 40.000 bambini di essere ipovedenti ogni anno. Pertanto, un'ambliopia (quando la capacità visiva di uno degli occhi è inferiore all'altra) viene rilevata prima di 4 anni, può essere corretta al 95%.

Qual è la storia familiare che dovrebbe indurre i genitori a consultare il proprio figlio?

  • Se ci sono casi di strabismo o anomalie visive come miopia o astigmatismo in famiglia, se il padre o la madre ha indossato gli occhiali prima dei 10 anni, si consiglia di consultare uno specialista per bambino di età compresa tra 2 o 3 anni. A 4 anni, un bambino su sette soffre di un'anomalia visiva - come miopia o astigmatismo - che può avere origini ereditarie.

Quali sono i segni o gli atteggiamenti di un bambino che devono avvertirci?

  • Per precauzione, si consiglia di consultare un oculista se vediamo un bagliore bianco nella pupilla del suo bambino, se guarda sempre dalla stessa parte, se è goffo e spesso dossi dalla stessa parte, guarda sempre dalla stessa parte.
  • Se il bambino sbatte le palpebre frequentemente, aggrotta le sopracciglia, se i suoi occhi sono rossi, pungono o piangono; o in caso di frequenti mal di testa.
  • Infine, se si rifiuta di scarabocchiare, se non è interessato a puzzle o altre attività visive, se confonde alcune lettere, se disegna, scrive o legge il naso incollato al taccuino o se gli capita di perdere la linea leggendola e rileggendola due volte.
  • 1 studente su 4 nella scuola primaria presenta un disturbo visivo che può rallentare il buon andamento della sua scuola ... poiché l'80% delle informazioni relative al suo apprendistato passa per la vista.

1 2