Notizie

Colpevole ma esente da punizione


Venerdì 26 novembre, il tribunale penale di Créteil ha riconosciuto una madre colpevole di omicidio colposo ma esente da punizione. Questa madre aveva dimenticato nella parte posteriore della sua auto, la sua ragazza di 18 mesi, causando la morte della ragazza per disidratazione. "Rendere la giustizia più umana" è l'ordine che la corte ha scelto di seguire. (Notizie del 30/11/10)

Richiamo dei fatti

  • Il 4 giugno 2010, una madre di 37 anni manca a Maxine, 18 mesi, l'ultima delle sue quattro figlie, nella parte posteriore della macchina e se ne va al lavoro.
  • È persuasa di aver messo il bambino dall'infermiera.
  • Fa molto caldo. Maxine rimane in macchina, parcheggiata nel parcheggio per lunghe ore.
  • Quando i vigili del fuoco, avvisato dai passanti, arriva la temperatura del bambino sale a 41,3 gradi. È troppo tardi
  • Maxine muore di ipertermia e disidratazione.

Il tragico risultato di una serie di sfortunate circostanze

  • Questo meccanismo di dimenticare è un misto di affaticamento, preoccupazioni emotive e tensioni professionali per questa madre che aveva attaccato la giornata in difficili condizioni fisiche e psicologiche.
  • Aveva trascorso una notte in ospedale con una delle sue figlie, preoccupata per la possibilità che soffra anche di leucemia, come la figlia maggiore.
  • Questa madre aveva rifiutato nuove responsabilità al suo datore di lavoro, per prendersi cura della figlia malata. quest'ultimo aveva quindi preferito non rinnovare il suo contratto.
  • Il seggiolino era stato spostatopochi giorni fa, proprio dietro l'autista. La madre, convinta di averla depositata nella tata, non riusciva a vedere che Maxine era ancora seduta dietro

Nel concludere che la madre era colpevole di omicidio colposo ma senza condanna, il tribunale penale di Créteil ha stabilito che la perdita di suo figlio è stata la peggiore punizione per questa donna che ha dichiarato di essere "l'unica responsabile di non sapere come proteggere suo figlio".

Frédérique Odasso